Robert L. Whiter, anche il blues in Italia si affida a Soundreef

Abbiamo avuto modo di incontrare il bluesman italiano Robert L. Whiter che ci ha parlato un po’ del blues oggi in Italia dal suo punto di vista.

Ciao Robert, parliamo di Blues in Italia. Che situazione c’è al momento. Quali sono le realtà più interessanti?

Ciao Federico, la situazione a dire il vero non è proprio il top. E’ poco stimolante: c’è poca cultura, poca
pubblicità e poca considerazione… e
 quel poco di attenzione è spesso concentrato su una deriva blues dedicata alle cover.

Ci racconti un po’ di te. Che tipo di percorso hai fatto? Che progetti hai?

Sono nato a Roma nel 1978. Sono musicista, compositore, cantautore, slide-guitarist, polistrumentista (chitarra, armonica, piano, lapsteel, cigar box, stomp box) e costruisco strumenti artigianali con cui suono dal blues al pop rock con contaminazioni di vario
genere. 

Ho registrato 3 dischi “Whiter”, prettamente in Cigar Box, “I will be
sitting“ classico blues e “Blues Gloria” con la lapsteel, 
viaggiando molto. Dall’Europa, al Sud e Nord America e vari stati
Europei: tra cui Belgio e 
Spagna.

Sono molti gli ascolti che mi hanno influenzato e che sono diventati vere e proprie fonti di ispirazione. Dal vivo mi esibisco con varie formazioni sempre sul mio progetto “Whiter”
Blues Rock. 
Ho partecipato a vari dischi come session man cantante e guitar slide e avri programmi in diretta radio e TV.

Cosa ti sembra manchi nella scena attuale e quali sono secondo te le caratteristiche più interessanti di quest’epoca?

Manca sicuramente molto spazio per nuove realta’ blues inedite di brani originali ma mi sono capitate serate con un pubblico giovanissimo dai
18 ai 20 anni con entusiasmo e curiosità 
che mi fanno sperare che spingendo un po’ anche qui in Italia si possa ottenere grandi risultati.

Perchè Soundreef?

Ho scelto Soundreef perché è una nuova realtà molto più vicina alle necessità degli artisti di oggi. E’ giovane ma di grandi prospettive e ha voglia di migliorarsi e crescere. Sono caratteristiche fondamentali per andare
avanti e proporre buoni servizi, contatti diretti e chiari, pratiche veloci 
e persone disponibili al dialogo.

Grazie mille, Robert!